SOSTIENE MONGILI RELOADED

Questa la devo davvero raccontare.

Allora, come faccio ogni tanto, sono andato a leggere le ultime cazz…

No, ricominciamo altrimenti mi dicono che sono aggressivo e maleducato.

Sono un assiduo frequentatore di Sardegna Democratica, perché ci sono interventi di raro interesse, tra cui, particolarmente interessanti, gli articoli del professor Mongili.

Va bene così?

Chi ti trovo? Il buon Mongili che ne ha combinato una delle sue. Leggo e mi viene voglia di rispondere, perché questa volta ha davvero esagerato: secondo lui la crisi della politica in Italia è causata da un mutamento antropologico dei militanti!

Diciamo le cose come stanno: è un argomento al quale si possa rispondere seriamente?

Certo che non si può, al massimo gli si potrebbe dire di mangiare meno peperonata prima di scrivere queste oscenità, oppure di cambiare verduraio perché il suo gli fornisce peperoni tagliati male e allora non si digeriscono (lo sanno tutti che vanno mangiati interi, non tagliati).

Sia come sia, scrivo una noticina sul blogghino e ne posto l’indirizzo in commento all’articolo, pensando di prenderlo bonariamente per il c… naso e convinto, tra le altre cose, che il mio commento non venga pubblicato (non me li pubblicano mai…)

E invece lo pubblicano! Così Mongili, inviperito, mi accusa di essere poco serio perché, a suo dire, avrei linkato la mia nota allo scopo di incrementare la frequentazione del blogghino (non si è neppure accorto che non ho usato i tag html, quindi per accedere al blogghino bisogna copiare l’url e incollarlo sulla finestra del browser: sai che traffico!)

Ora, dico io, affinché ciò possa avvenire, sarebbe necessario che qualcuno leggesse gli articoli di Mongili, mentre in realtà li leggiamo io, Gabriele e Ainis (siamo in tre come i briganti e i somari, sempre tre; speriamo che Mongili – o qualcuno dei suoi affezionati scolaretti – apprezzi la gentilezza di aver dato loro l’opportunità di una battuta di spirito, paboritteddus, che se proprio non glielo dici neppure se ne accorgono).

Quindi mi scrive un commento di fuoco, gli rispondo e penso sia chiusa lì.

Invece, come per magia, mentre di solito non mi caga nessuno (lo dice anche Gianluca Floris, e se lo dice lui vuol dire che è verissimo!) insomma mentre in genere non mi legge nessuno, improvvisamente le visite salgono alle stelle.

Oddio: vuoi vedere che Mongili ha ragione, lo legge un sacco di gente su Sardegna Democratica e il link che ho postato sta canalizzando le visite?

Orbene: chi ha utilizzato la piattaforma WordPress sa che essa fornisce la provenienza dei visitatori, qualora essi vengano indirizzati da un link. C’è la possibilità di valutare quanti visitatori arrivano da un motore di ricerca, quanti direttamente da un link specifico, quanti da accessi diretti o da altri siti.

Così verifico e scopro che…

…provengono da Facebook!

Sfortunatamente la piattaforma non indica la provenienza precisa e fb è immenso: chi avrà condiviso il blogghino?

Indovina indovinello: chi è stato il furbacchione?

Ma naturalmente è stato lo stesso Mongili, che ha letto il mio commento e ha pensato bene di condividerlo!

Così da Sardegna Democratica, che nessuno legge, tranne noi tre, non è arrivato nessuno, tranne lo stesso Mongili, presumo, mentre dalla pagina fb del preclaro professore ne sono arrivati un fottio!

Ajò: se non è un genio questo…

 

Gabriele Ainis

gabriele.ainis@virgilio.it

22

 

Questa voce è stata pubblicata in politica e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a SOSTIENE MONGILI RELOADED

  1. Ale Sestu ha detto:

    Gentile Ainis,
    se c’è una cosa che veramente non sopporto è quando si parla male dei peperoni.
    Si parli male dei semini, o della parte bianca interna indigesta; ma dei peperoni non si può che parlar bene.
    A parte questo c’è un’altra cosa che non va bene: Explorer. Deve assolutamente virare verso Chrome. Oppure, se proprio vuole fare il fighetto nerd, c’è Firefox da personalizzare.
    Cordialmente,

    • Gabriele Ainis ha detto:

      Gentile Ale Sestu,
      ma quando mai! Sono uno strenuo difensore dei peperoni, non per nulla accuso Mongili di averli maltrattati (e i risultati si vedono, e come!)
      Del resto sono una delle poche buone cose del Piemonte, tanto da rendere sopportabile la Bagna Caoda.
      Cordialmente,

  2. Jonathan Livingstone ha detto:

    Ainis vs Mongili tre a zero e palla al centro! 🙂

    Jonathan Livingston

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...